Se hai intenzione di comprare una casa per abitarci o per investire, comprare casa all’asta può rivelarsi una delle opzioni migliori.

Abbiamo trovato delle favolose possibilità, con risparmi fino al 70%.

Abruzzo     Basilicata     Calabria      Campania      Emilia Romagna

Friuli Venezia Giulia       Lazio      Liguria    Lombardia      Marche

Molise     Piemonte     Puglia     Sardegna     Sicilia

         Toscana     Trentino Alto Adige      Umbria        Vall D’Aosta      Veneto

 

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#adessonews
#finsubito post aste #finsubiro
#finsubitoaste
#finsubitoaste Abruzzo
#finsubitoaste Calabria
#finsubitoaste Campania
#finsubitoaste Emilia-Romagna
#finsubitoaste Friuli Venezia Giulia
#finsubitoaste Lazio
#finsubitoaste Liguria
#finsubitoaste Lombardia
#finsubitoaste Marche
#finsubitoaste Molise
#finsubitoaste Piemonte
#finsubitoaste Puglia
#finsubitoaste Sardegna
#finsubitoaste Sicilia
#finsubitoaste Toscana
#finsubitoaste Trentino Alto Adige
#finsubitoaste Umbria
#finsubitoaste Valle D'Aosta
#finsubitoaste Veneto
01_post Valle D'Aosta
01_post_Abruzzo
01_post_aste Emilia Romagna
01_post_aste Friuli Venezia Giulia
01_post_aste Liguria
01_post_aste Lombardia
01_post_aste Molise
01_post_aste Piemonte
01_post_aste Puglia
01_post_aste Toscana
01_post_aste Trentino Alto Adige
01_post_aste Umbria
01_post_aste Veneto
01_post_Lazio
01_post_Sardegna
01_post_Sicilia
01post_immobili_Campania
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
News aste
o1_post_aste Marche
Post dalla rete
post_aste_calabria
Video aste Abruzzo
Video aste Emilia Romagna
Video aste Friuli Venezia Giulia
Video aste Lazio
Video aste Liguria
Video aste Lombardia
Video aste Marche
Video aste Molise
Video aste Puglia
Video aste Sardegna
Video aste Sicilia
Video aste Toscana
Video aste Trentino Alto Adige
Video aste Umbria
Video aste Veneto
Video dalla rete
video_aste_calabria
   

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali


Le riforme del 2020 e del 2023, pur portando a un risparmio di 250 milioni, hanno avuto un impatto limitato. L’Upb suggerisce di valutare alternative per migliorare l’efficacia delle politiche fiscali

Le politiche di razionalizzazione sulle spese fiscali in Italia sembrano finora avere un impatto limitato, se non trascurabile, secondo l’analisi dell’Ufficio Parlamentare di Bilancio (Upb). Invece di assistere a una riduzione, il numero delle agevolazioni fiscali è aumentato di circa un terzo, raggiungendo il numero record di 625. Questo aumento ha portato le spese fiscali complessive a un impressionante totale di 105 miliardi di euro, raddoppiate rispetto al 2018.

Le recenti modifiche fiscali, apportate con la legge di bilancio per il 2020 e con il primo modulo della riforma dell’Irpef a fine 2023, hanno cercato di affrontare questo panorama complesso concentrandosi sulle detrazioni per oneri. Tuttavia, sebbene abbiano portato a un risparmio totale di 250 milioni di euro, l’effetto reale di queste riforme appare ancora limitato.

Effetti delle riforme: taglio medio e coinvolgimento dei contribuenti

La riforma del 2023, in particolare, ha determinato un taglio medio di circa 152 euro per circa 1,4 milioni di contribuenti, riducendo le detrazioni per oneri. Questi tagli hanno colpito soprattutto coloro con redditi più alti, generando un impatto significativo sulle loro detrazioni fiscali. Tuttavia, per alcuni contribuenti, questo taglio è risultato inferiore alla franchigia, poiché solo una parte di loro aveva detrazioni superiori al taglio.

Il quadro generale e le possibili soluzioni

In questo contesto, emerge la necessità di valutare approcci alternativi che possano migliorare l’equità, l’efficienza e la trasparenza del sistema fiscale italiano. La situazione attuale suggerisce che i tentativi finora effettuati si siano concentrati principalmente sulle detrazioni per oneri, senza un impatto significativo sul quadro complessivo delle spese fiscali.

Secondo il focus dell’Upb, una delle criticità del sistema attuale è rappresentata dalla frammentazione e dalla scarsa trasparenza delle agevolazioni. Questo ha portato a una distribuzione disuguale delle agevolazioni, favorendo principalmente i contribuenti ad alto reddito. Inoltre, i soggetti a basso reddito hanno spesso difficoltà nel beneficiare delle detrazioni fiscali, a causa dell’incapienza fiscale e delle complessità del sistema.

Soluzioni alternative

Di fronte a queste sfide, gli esperti suggeriscono vie alternative per migliorare il sistema fiscale italiano. Una proposta interessante è la trasformazione delle agevolazioni fiscali in bonus di durata definita e rinnovabili mediante successivi interventi legislativi. Questo approccio potrebbe non solo migliorare la trasparenza del sistema, ma anche favorire una maggiore equità distributiva.

Questa trasformazione delle agevolazioni in bonus potrebbe garantire maggiore equità ed efficienza, garantendo che i soggetti economicamente svantaggiati possano beneficiare maggiormente delle agevolazioni fiscali. Creare un sistema più equo e inclusivo è uno degli obiettivi principali di queste proposte di riforma.

La necessità di una riforma profonda

Mentre le recenti riforme hanno apportato alcuni miglioramenti nel tentativo di contenere le spese fiscali, sembra esserci ancora molto lavoro da fare. È fondamentale che il sistema fiscale italiano sia rivisto e riformato per garantire una maggiore equità, efficienza e trasparenza. Solo così si potrà garantire un sistema fiscale equo, efficiente e trasparente per tutti i cittadini italiani.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui