Se hai intenzione di comprare una casa per abitarci o per investire, comprare casa all’asta può rivelarsi una delle opzioni migliori.

Abbiamo trovato delle favolose possibilità, con risparmi fino al 70%.

Abruzzo     Basilicata     Calabria      Campania      Emilia Romagna

Friuli Venezia Giulia       Lazio      Liguria    Lombardia      Marche

Molise     Piemonte     Puglia     Sardegna     Sicilia

         Toscana     Trentino Alto Adige      Umbria        Vall D’Aosta      Veneto

 

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#adessonews
#finsubito post aste #finsubiro
#finsubitoaste
#finsubitoaste Abruzzo
#finsubitoaste Calabria
#finsubitoaste Campania
#finsubitoaste Emilia-Romagna
#finsubitoaste Friuli Venezia Giulia
#finsubitoaste Lazio
#finsubitoaste Liguria
#finsubitoaste Lombardia
#finsubitoaste Marche
#finsubitoaste Molise
#finsubitoaste Piemonte
#finsubitoaste Puglia
#finsubitoaste Sardegna
#finsubitoaste Sicilia
#finsubitoaste Toscana
#finsubitoaste Trentino Alto Adige
#finsubitoaste Umbria
#finsubitoaste Valle D'Aosta
#finsubitoaste Veneto
01_post Valle D'Aosta
01_post_Abruzzo
01_post_aste Emilia Romagna
01_post_aste Friuli Venezia Giulia
01_post_aste Liguria
01_post_aste Lombardia
01_post_aste Molise
01_post_aste Piemonte
01_post_aste Puglia
01_post_aste Toscana
01_post_aste Trentino Alto Adige
01_post_aste Umbria
01_post_aste Veneto
01_post_Lazio
01_post_Sardegna
01_post_Sicilia
01post_immobili_Campania
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
News aste
o1_post_aste Marche
Post dalla rete
post_aste_calabria
Video aste Abruzzo
Video aste Emilia Romagna
Video aste Friuli Venezia Giulia
Video aste Lazio
Video aste Liguria
Video aste Lombardia
Video aste Marche
Video aste Molise
Video aste Puglia
Video aste Sardegna
Video aste Sicilia
Video aste Toscana
Video aste Trentino Alto Adige
Video aste Umbria
Video aste Veneto
Video dalla rete
video_aste_calabria
   


Ammortamento alla francese – scopri i costi occulti e proteggi il tuo patrimonio

Quando si tratta di contratti di finanziamento, i consumatori devono prestare molta attenzione alle insidie nascoste nelle clausole contrattuali. Uno degli aspetti più critici riguarda la scelta del piano di ammortamento e del regime di capitalizzazione degli interessi. L’utilizzo di un piano di ammortamento “alla francese” combinato con un regime di capitalizzazione composta degli interessi può infatti comportare un aumento del costo finale del finanziamento anche superiore al 30% rispetto ad altre tipologie di ammortamento.

In questa guida approfondita, ti mostreremo come riconoscere e contrastare queste pratiche illegali, analizzando nel dettaglio il quadro normativo e la giurisprudenza rilevante. Acquisirai gli strumenti necessari per tutelare i tuoi diritti e non farti sorprendere dai costi occulti nascosti nei contratti di finanziamento.

Introduzione al piano di ammortamento alla francese

Il piano di ammortamento alla francese, anche noto come “ammortamento progressivo“, è una modalità di restituzione di un prestito o di un mutuo in cui le rate sono posticipate e l’importo erogato viene restituito con gli interessi in rate costanti e di uguale importo.

Ogni rata è composta da due elementi:

  • Quota capitale: la parte dell’importo che va a ridurre il debito residuo
  • Quota interessi: la parte che corrisponde agli interessi calcolati sul capitale residuo

Nel metodo “alla francese“, la quota di interessi è più alta all’inizio e si riduce durante l’ammortamento, mentre la quota di capitale è più bassa all’inizio e cresce in maniera progressiva.

Questo approccio è spesso preferito dai mutuatari perché permette di avere rate iniziali più contenute, sebbene il costo totale del finanziamento risulti più elevato rispetto ad altre tipologie di ammortamento.

Regime di capitalizzazione composta: il tallone d’Achille del piano di ammortamento alla francese

Il vero problema dell’ammortamento alla francese risiede nell’applicazione di un regime di capitalizzazione composta degli interessi, anziché di quello semplice voluto dal legislatore.

Nel regime di capitalizzazione semplice, gli interessi vengono calcolati solo sul capitale iniziale. Al contrario, nel regime di capitalizzazione composta, gli interessi maturati in ciascun periodo vengono aggiunti al capitale, generando a loro volta nuovi interessi. Questo meccanismo determina un aumento esponenziale degli interessi totali dovuti dal mutuatario.

Confrontiamo quattro esempi di piani di ammortamento, a parità di capitale (€100.000), tasso di interesse nominale annuo (TAN = 5%) e durata del finanziamento (20 anni):

Tipologia di ammortamento Regime di capitalizzazione Interessi totali
Francese Composta € 58.389,38
Francese Semplice € 44.486,41
Italiana Composta € 50.208,33
Italiana Semplice € 38.837,99

Come si può notare, l’utilizzo del regime di capitalizzazione composta nell’ambito del piano di ammortamento alla francese genera un costo finale del finanziamento notevolmente più elevato, con una differenza di oltre 19.500 euro rispetto all’ammortamento all’italiana con capitalizzazione semplice.

Questa differenza di oltre il 33% nel costo totale del finanziamento rappresenta un vero e proprio costo occulto a carico del mutuatario, spesso non adeguatamente comunicato dalle banche e dalle società finanziarie.

Costi occulti e violazione del dovere di informazione

La mancata indicazione in contratto del regime di capitalizzazione utilizzato per il calcolo degli interessi rappresenta una grave violazione del dovere di informazione a carico delle banche e delle società finanziarie. Questo comportamento, definito “opacità” nel documento allegato, impedisce al consumatore di comprendere appieno il costo effettivo del finanziamento e di potersi autodeterminare in modo consapevole.

Secondo la giurisprudenza, la mancata comunicazione del regime di capitalizzazione composta, anziché di quello semplice voluto dal legislatore, configura la violazione degli articoli 1427, 1428, 1431, 1341 e 1344 del Codice Civile. Ciò in quanto il consenso del mutuatario è stato viziato dalla mancanza di informazioni essenziali, rendendo il contratto annullabile.

Inoltre, l’utilizzo del regime di capitalizzazione composta, senza previa pattuizione con il cliente, rappresenta una violazione dell’articolo 1283 del Codice Civile, che vieta l’anatocismo (interessi sugli interessi). Questa pratica è stata più volte condannata dalla Corte di Cassazione, in particolare con la sentenza n. 9140 del 19 maggio 2020, che ha sancito l’illegittimità dell’anatocismo bancario nonostante l’adeguamento alla delibera CICR del 2000.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui