Se hai intenzione di comprare una casa per abitarci o per investire, comprare casa all’asta può rivelarsi una delle opzioni migliori.

Abbiamo trovato delle favolose possibilità, con risparmi fino al 70%.

Abruzzo     Basilicata     Calabria      Campania      Emilia Romagna

Friuli Venezia Giulia       Lazio      Liguria    Lombardia      Marche

Molise     Piemonte     Puglia     Sardegna     Sicilia

         Toscana     Trentino Alto Adige      Umbria        Vall D’Aosta      Veneto

 

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#adessonews
#finsubito post aste #finsubiro
#finsubitoaste
#finsubitoaste Abruzzo
#finsubitoaste Calabria
#finsubitoaste Campania
#finsubitoaste Emilia-Romagna
#finsubitoaste Friuli Venezia Giulia
#finsubitoaste Lazio
#finsubitoaste Liguria
#finsubitoaste Lombardia
#finsubitoaste Marche
#finsubitoaste Molise
#finsubitoaste Piemonte
#finsubitoaste Puglia
#finsubitoaste Sardegna
#finsubitoaste Sicilia
#finsubitoaste Toscana
#finsubitoaste Trentino Alto Adige
#finsubitoaste Umbria
#finsubitoaste Valle D'Aosta
#finsubitoaste Veneto
01_post Valle D'Aosta
01_post_Abruzzo
01_post_aste Emilia Romagna
01_post_aste Friuli Venezia Giulia
01_post_aste Liguria
01_post_aste Lombardia
01_post_aste Molise
01_post_aste Piemonte
01_post_aste Puglia
01_post_aste Toscana
01_post_aste Trentino Alto Adige
01_post_aste Umbria
01_post_aste Veneto
01_post_Lazio
01_post_Sardegna
01_post_Sicilia
01post_immobili_Campania
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
News aste
o1_post_aste Marche
Post dalla rete
post_aste_calabria
Video aste Abruzzo
Video aste Emilia Romagna
Video aste Friuli Venezia Giulia
Video aste Lazio
Video aste Liguria
Video aste Lombardia
Video aste Marche
Video aste Molise
Video aste Puglia
Video aste Sardegna
Video aste Sicilia
Video aste Toscana
Video aste Trentino Alto Adige
Video aste Umbria
Video aste Veneto
Video dalla rete
video_aste_calabria
   

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali


Sempre più si parla di Intelligenza Artificiale, di smart agrifood e di agricoltura 4.0 o di precision farming, tutti termini utilizzati per l’utilizzo di nuove tecnologie digitali per agevolare il lavoro manuale nelle campagne e favorire un maggior reddito agli imprenditori del settore.

 

Ma il mondo agricolo in che modo vede questa rivoluzione tecnologica, la percepisce come un vantaggio od una perdita, sia di tempo che di reddito?

 

A rispondere a questi quesiti, e ad altri, ci ha pensato l’Osservatorio Smart Agrifood del Politecnico di Milano in collaborazione con il Laboratorio RISE (Research & Innovation for Smart Enterprises) dell’Università degli Studi di Brescia, che hanno fatto notare che, nonostante la buona volontà ci si trova ad avere a che fare con una superficie servita molto ridotta, nell’ordine del 3-4%, a dimostrazione che ci sono ancora moltissimi spazi di manovra.

 

Infatti, se si pensa a come era la situazione nel 2019, quando erano presenti circa 400 soluzioni digitali e le imprese, quasi tutte considerate start up, nel 2023 le proposte sono raddoppiate, passando a oltre 1.000 prodotti, con circa 400 aziende produttrici.

 

Soluzioni basate prevalentemente sull’utilizzo di software gestionali, coti come DSS (Sistemi di supporto alle decisioni) e di monitoraggio dei mezzi e delle attrezzature o coltivazioni, anche se non bisogna trascurare la comparsa di nuove piattaforme per l’integrazione dei dati, principalmente a supporto ed ottimizzazione di quanto già esistente in azienda.
Specialmente per le aziende più virtuose e meglio strutturate, spesso già fruitrici di queste nuove tecnologie.

 

La cosa certa è che il numero di imprese beneficiarie delle soluzioni 4.0 cresce sempre più, sia per l’ottimizzazione del flusso produttivo aziendale, sia per una maggior reddittività dell’impresa, ma anche perché le agevolazioni finanziarie, visti gli alti costi, sono sempre più presenti, sia con modalità nazionali che regionali.

 

Certo è che la superficie gestita da sistemi 4.0 è cresciuta, passando dall’1% del 2019 al 9% del 2023, con una superficie coperta pari a circa 750 mila ettari.

 

Certamente l’introduzione e l’integrazione dei processi di agricoltura 4.0 e complessivamente nei principali sistemi di gestione del settore primario, sta consentendo di valutare e classificare i benefici attesi in diverse realtà aziendali, spesso ancora troppo disomogenee, per valutare le migliori strategie di introduzione dell’innovazione.

 

In generale si può affermare che i benefici attesi sono:
1. Ottimizzazione dell’efficienza produttiva e qualitativa;
2. Riduzione dei costi aziendali;
3. Ottimizzazione degli input, minimizzando gli impatti ambientali;
4. Creazione di nuove opportunità imprenditoriali quali aziende di consulenza, contoterzismo e innovation broker.

 

Se guardiamo alla Sardegna, dove è evidente la situazione di debolezza economica e strutturale dell’intero sistema agricolo sardo come anche le macroscopiche esigenze di ammodernamento aziendale, l’adozione di queste innovazioni (Agricoltura di Precisione e conservativa) con mezzi di produzione e strumenti tecnologici sono ancora poco diffuse.

 

Certamente il loro inserimento, da un punto di vista ambientale, contribuirebbe anche alla riduzione degli effetti negativi dell’agricoltura sull’ambiente, limitando la dispersione di fitofarmaci e fertilizzanti e contribuendo alla conservazione del contenuto di sostanza organica nei suoli.

 

Però è fondamentale pensare anche al miglioramento della redditività delle aziende agricole, salvaguardando nello stesso tempo le caratteristiche di sostenibilità ambientale dell’agricoltura sarda, altrimenti l’imprenditore agricolo sardo non investirà mai in queste nuove tecnologie e si continuerà a muovere con “su connottu” come nel passato.

 

La conferma si è avuta proprio di recente, quando con l’apertura del bando della sottomisura 4.1 “Precision Farming” del 26.09.2023 alla scadenza del 31 gennaio 2024, sono state presentate solo 64 domande e richieste di contributo che non coprivano la disponibilità finanziaria di poco superiore ai 6,2 milioni di euro, con risorse residue pari al 13%.

 

Ossia l’imprenditore agricolo è disposto ad investire in queste tecnologie innovative, ma deve avere la sua convenienza
Certamente si andrà indubbiamente verso un sempre maggior utilizzo delle tecnologie 4.0, ma al momento si è ancora in una fase di “conoscenza” e di un loro scarso utilizzo, anche se si spera in una crescita e netto miglioramento nel breve e medio termine.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui