Se hai intenzione di comprare una casa per abitarci o per investire, comprare casa all’asta può rivelarsi una delle opzioni migliori.

Abbiamo trovato delle favolose possibilità, con risparmi fino al 70%.

Abruzzo     Basilicata     Calabria      Campania      Emilia Romagna

Friuli Venezia Giulia       Lazio      Liguria    Lombardia      Marche

Molise     Piemonte     Puglia     Sardegna     Sicilia

         Toscana     Trentino Alto Adige      Umbria        Vall D’Aosta      Veneto

 

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#adessonews
#finsubito post aste #finsubiro
#finsubitoaste
#finsubitoaste Abruzzo
#finsubitoaste Calabria
#finsubitoaste Campania
#finsubitoaste Emilia-Romagna
#finsubitoaste Friuli Venezia Giulia
#finsubitoaste Lazio
#finsubitoaste Liguria
#finsubitoaste Lombardia
#finsubitoaste Marche
#finsubitoaste Molise
#finsubitoaste Piemonte
#finsubitoaste Puglia
#finsubitoaste Sardegna
#finsubitoaste Sicilia
#finsubitoaste Toscana
#finsubitoaste Trentino Alto Adige
#finsubitoaste Umbria
#finsubitoaste Valle D'Aosta
#finsubitoaste Veneto
01_post Valle D'Aosta
01_post_Abruzzo
01_post_aste Emilia Romagna
01_post_aste Friuli Venezia Giulia
01_post_aste Liguria
01_post_aste Lombardia
01_post_aste Molise
01_post_aste Piemonte
01_post_aste Puglia
01_post_aste Toscana
01_post_aste Trentino Alto Adige
01_post_aste Umbria
01_post_aste Veneto
01_post_Lazio
01_post_Sardegna
01_post_Sicilia
01post_immobili_Campania
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
News aste
o1_post_aste Marche
Post dalla rete
post_aste_calabria
Video aste Abruzzo
Video aste Emilia Romagna
Video aste Friuli Venezia Giulia
Video aste Lazio
Video aste Liguria
Video aste Lombardia
Video aste Marche
Video aste Molise
Video aste Puglia
Video aste Sardegna
Video aste Sicilia
Video aste Toscana
Video aste Trentino Alto Adige
Video aste Umbria
Video aste Veneto
Video dalla rete
video_aste_calabria
   

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali


Ulteriori limitazioni per il trasferimento dei bonus edilizi e nuovi adempimenti per l’uso dei crediti d’imposta per gli investimenti 4.0.

Con il DL n.39 del 29 marzo 2024, in vigore dal 30 marzo 2024, per ragioni di tutela della finanza pubblica sono stati posti ulteriori limiti alla trasferibilità dei crediti derivanti da bonus edilizi e sono state introdotti nuovi adempimenti per l’uso dei crediti d’imposta derivanti dagli investimenti 4.0.

Ulteriore restrizione per opzioni di sconto in fattura o cessione dei crediti relativi a bonus edilizi

In particolare, con il Decreto Legge n.39 vengono compresi nel blocco delle opzioni anche:

– gli interventi di IACP, coop edilizie di abitazione a proprietà indivisa ed Enti del Terzo settore (ONLUS, OdV e APS), enti finora esclusi dal    blocco se già costituiti alla data del 17/2/2023 e con determinati requisiti;
– gli interventi sugli immobili situati nei comuni in cui sia stato dichiarato lo stato di emergenza danneggiati dagli eventi sismici verificatisi       dal  1/4/2009 o dagli eventi metereologici verificatisi dal 15/9/2022 nei comuni delle Marche;
– per le spese sostenute dal 31/3/2024, gli interventi per l’abbattimento delle barriere architettoniche con i requisiti che avevano consentito la     deroga al blocco delle opzioni introdotto con il DL 212 del 29/12/2023 (ossia realizzati dai Condomini o relativi ad abitazioni principali di   proprietari o titolari di diritti reali di godimento con reddito di riferimento non superiore a 15.000 euro salvo la presenza di disabile).
Per i predetti interventi le opzioni restano ammesse, se entro il 29/3/2024:
– per i lavori agevolati con il superbonus, se sia stata presentata la CILAS (e per gli interventi condominiali sia stata anche adottata la delibera   assembleare che ha approvato l’esecuzione dei lavori), oppure nel caso in cui il superbonus riguarda interventi con demolizione e   ricostruzione, sia stata presentata l’istanza per l’acquisizione del titolo abilitativo;
– per gli altri interventi agevolati sia presentata la richiesta del titolo abilitativo (se necessario), oppure, per quelli che non richiedono titolo   abilitativo, siano già iniziati i lavori, o almeno siano stati contrattualizzati con accordo vincolante tra le parti e versamento di un acconto sul   prezzo.
Il DL 39/2024 interviene inoltre anche sulla disciplina transitoria introdotta con il DL 11 del 16/2/2023 con riferimento agli interventi che erano rimasti fuori dal blocco delle opzioni in quanto risultavano già avviati prima del 17/2/2023, o per i quali prima di tale data risultava già presentato il titolo edilizio abilitativo richiesto. Ora infatti il blocco delle opzioni travolge anche tali interventi se alla data del 30/3/2024 non è stata ancora sostenuta alcuna spesa documentata da fattura per lavori effettuati.

Abrogazione della remissione in bonis per opzioni di sconto in fattura o cessione dei crediti relativi a bonus edilizi

Viene abrogata la possibilità di sanare con la remissione in bonis l’omesso invio, alla relativa scadenza, delle comunicazioni di opzione per lo sconto in fattura o la cessione dei crediti relativi agli interventi edilizi agevolati con le detrazioni d’imposta.

Nuovo obbligo di comunicazione delle spese per i lavori di superbonus

Con riferimento ai limitati casi i cui è ancora possibile fruire del superbonus viene introdotto un nuovo adempimento le cui disposizioni attuative saranno adottate entro il 29/5/2024 con un apposito DPCM. Si tratta di della comunicazione (all’ENEA per gli interventi di riqualificazione energetica, oppure al “Portale nazionale delle classificazioni sismiche” del Dipartimento casa Italia della Presidenza del Consiglio dei ministri, per gli interventi di riduzione del rischio sismico) di alcuni dati con riferimento alle spese per superbonus sostenute nel 2024 e nel 2025 da parte dei soggetti che:

– avendo presentato entro il 31 dicembre 2023 la CILAS, oppure l’istanza per l’acquisizione del titolo abilitativo per la demolizione e la     ricostruzione degli edifici, entro tale data non hanno concluso i lavori di superbonus;
– hanno presentato i suddetti documenti (CILAS o istanza per l’acquisizione del titolo abilitativo per la demolizione e la ricostruzione degli   edifici) dal 1° gennaio 2024.
L’inadempimento del nuovo obbligo di comunicazione, comporta:
– l’applicazione della sanzione amministrativa di 10.000 euro se la CILAS o l’istanza per l’acquisizione del titolo abilitativo sono stati   presentati prima del 30/3/2024 (data di entrata in vigore del DL 39);
– la decadenza dall’agevolazione fiscale se la CILAS o l’istanza per l’acquisizione del titolo abilitativo sono stati presentati a decorrere dal   30/3/2024.

Sospensione dell’utilizzabilità dei crediti per bonus edilizi in presenza di iscrizioni a ruolo

In presenza di iscrizioni a ruolo per imposte erariali e relativi accessori o di iscrizioni a ruolo o carichi affidati agli agenti della riscossione relativi ad atti comunque emessi dall’Agenzia delle entrate, complessivamente superiori a 10.000 euro, viene introdotto, per i crediti derivanti da sconto in fattura o da cessione del credito relativi ai bonus edilizi, uno specifico divieto di compensazione fino a concorrenza di quanto dovuto. Non vanno considerati i debiti per i quali non sia ancora decorso il trentesimo giorno dalla scadenza dei termini di pagamento né quelli oggetto di provvedimenti di sospensione o di rateazione per i quali non sia intervenuta decadenza. Le modalità di attuazione e decorrenza del nuovo divieto di compensazione verranno definite con apposito regolamento del Ministro dell’economia e delle finanze.

Comunicazioni per l’uso dei crediti per investimenti 4.0 e per ricerca e sviluppo

Viene introdotto l’obbligo di comunicare in via telematica al Ministero delle Imprese e del made in Italy (MIMIT), con modalità e termini da stabilirsi con apposito decreto ministeriale, l’ammontare complessivo degli investimenti previsti e di quelli completati, agevolati con crediti d’imposta, con riferimento ai beni strumentali nuovi 4.0 (Allegati A e B annessi alla legge 11 dicembre 2016, n. 232) e alle attività di ricerca e sviluppo, innovazione tecnologica, design e ideazione estetica.
Tali comunicazioni, con riferimento specifico ai beni strumentali 4.0, riguardano oltre agli investimenti effettuati dal 1/1/2024, anche quelli relativi al 2023, per la compensabilità dei relativi crediti d’imposta maturati e non ancora fruiti (alla data del 30/3/2024, di entrata in vigore del DL 39/2024). Sul punto la Confartigianato è intervenuta nei confronti del MIMIT per richiedere una immediata soluzione del problema



 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui