Se hai intenzione di comprare una casa per abitarci o per investire, comprare casa all’asta può rivelarsi una delle opzioni migliori.

Abbiamo trovato delle favolose possibilità, con risparmi fino al 70%.

Abruzzo     Basilicata     Calabria      Campania      Emilia Romagna

Friuli Venezia Giulia       Lazio      Liguria    Lombardia      Marche

Molise     Piemonte     Puglia     Sardegna     Sicilia

         Toscana     Trentino Alto Adige      Umbria        Vall D’Aosta      Veneto

 

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#adessonews
#finsubito post aste #finsubiro
#finsubitoaste
#finsubitoaste Abruzzo
#finsubitoaste Calabria
#finsubitoaste Campania
#finsubitoaste Emilia-Romagna
#finsubitoaste Friuli Venezia Giulia
#finsubitoaste Lazio
#finsubitoaste Liguria
#finsubitoaste Lombardia
#finsubitoaste Marche
#finsubitoaste Molise
#finsubitoaste Piemonte
#finsubitoaste Puglia
#finsubitoaste Sardegna
#finsubitoaste Sicilia
#finsubitoaste Toscana
#finsubitoaste Trentino Alto Adige
#finsubitoaste Umbria
#finsubitoaste Valle D'Aosta
#finsubitoaste Veneto
01_post Valle D'Aosta
01_post_Abruzzo
01_post_aste Emilia Romagna
01_post_aste Friuli Venezia Giulia
01_post_aste Liguria
01_post_aste Lombardia
01_post_aste Molise
01_post_aste Piemonte
01_post_aste Puglia
01_post_aste Toscana
01_post_aste Trentino Alto Adige
01_post_aste Umbria
01_post_aste Veneto
01_post_Lazio
01_post_Sardegna
01_post_Sicilia
01post_immobili_Campania
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
News aste
o1_post_aste Marche
Post dalla rete
post_aste_calabria
Video aste Abruzzo
Video aste Emilia Romagna
Video aste Friuli Venezia Giulia
Video aste Lazio
Video aste Liguria
Video aste Lombardia
Video aste Marche
Video aste Molise
Video aste Puglia
Video aste Sardegna
Video aste Sicilia
Video aste Toscana
Video aste Trentino Alto Adige
Video aste Umbria
Video aste Veneto
Video dalla rete
video_aste_calabria
   

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali


ANCONA È il simbolo marchigiano della lotta alla criminalità organizzata. Il primo bene confiscato alle mafie (nel lontano 2001) nella nostra regione. E ora rischia di trasformarsi in un rudere senza futuro. Parliamo della Fattoria della legalità all’Isola del Piano, comune di meno di 600 anime nel Pesarese, dove si svolgono attività didattiche con gite di studenti e campagne di sensibilizzazione sul tema. In quell’edificio abita anche una famiglia.

Nel 2020, la giunta Ceriscioli aveva messo a bilancio 240mila euro per la sua ristrutturazione dato che, con il passare del tempo, la struttura aveva iniziato a versare in pessime condizioni. Ma con il cambio al vertice di Palazzo Raffaello e l’insediamento della giunta Acquaroli quei contributi sono stati tolti dal bilancio e mai più ripristinati. «Eravamo pronti a partire con il recupero quando è arrivata la notizia che il finanziamento era stato tolto», la denuncia del sindaco di Isola del Piano Giuseppe Paolini, ieri durante una conferenza stampa a Palazzo Leopardi. Una doccia fredda che lo aveva spinto «a parlare direttamente con il governatore Acquaroli, che mi diede delle rassicurazioni. Senza aiuto della Regione, un comune piccolo come il nostro non può fare niente». 

Nulla si è mosso

A oltre tre anni di distanza, tuttavia, quei soldi non si sono ancora visti. «Abbiamo bisogno di vedere una luce accesa nella Fattoria per non pensare che la criminalità abbia vinto», il monito di Paolini. «Conosco la questione e nessuno è a favore dell’illegalità – l’osservazione del presidente Acquaroli, che ha assicurato, ancora una volta -: quando ci sarà l’occasione il contributo verrà reinserito nel Bilancio», ricordando le urgenze che si sono susseguite nelle Marche tra cui l’alluvione «che ha drenato circa 7 milioni di euro l’anno». «I soldi per finanziare il ruzzodromo o il Saltarello li trovano però», la stoccata al vetriolo del capogruppo del Pd Maurizio Mangialardi. Rincara la dose la consigliera dem Micaela Vitri: «Per il recupero dei beni confiscati nel 2023 la Toscana ha stanziato 3.152.744 euro, l’Emilia Romagna 352mila, il Lazio 250mila, la Lombardia 1.560.071 euro e la Campania 1,8 milioni. Nelle Marche in 3 anni non è stato stanziato un solo euro e sono stati addirittura tolti i 240mila euro già previsti». Attualmente nelle Marche sono 98 i beni confiscati alle mafie. Tra questi, anche l’immobile della Banda della Magliana a Cupramontana, trasformato in un centro per pazienti con disturbi psichici, e l’ultimo in ordine di tempo: un capannone da 600 metri quadri a Vallefoglia che verrà riconvertito in un centro di raccolta e distribuzione del cibo gestito dalla Caritas. Sostenere queste realtà è fondamentale. La Regione batta un colpo.A

 



 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui