Se hai intenzione di comprare una casa per abitarci o per investire, comprare casa all’asta può rivelarsi una delle opzioni migliori.

Abbiamo trovato delle favolose possibilità, con risparmi fino al 70%.

Abruzzo     Basilicata     Calabria      Campania      Emilia Romagna

Friuli Venezia Giulia       Lazio      Liguria    Lombardia      Marche

Molise     Piemonte     Puglia     Sardegna     Sicilia

         Toscana     Trentino Alto Adige      Umbria        Vall D’Aosta      Veneto

 

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#adessonews
#finsubito post aste #finsubiro
#finsubitoaste
#finsubitoaste Abruzzo
#finsubitoaste Calabria
#finsubitoaste Campania
#finsubitoaste Emilia-Romagna
#finsubitoaste Friuli Venezia Giulia
#finsubitoaste Lazio
#finsubitoaste Liguria
#finsubitoaste Lombardia
#finsubitoaste Marche
#finsubitoaste Molise
#finsubitoaste Piemonte
#finsubitoaste Puglia
#finsubitoaste Sardegna
#finsubitoaste Sicilia
#finsubitoaste Toscana
#finsubitoaste Trentino Alto Adige
#finsubitoaste Umbria
#finsubitoaste Valle D'Aosta
#finsubitoaste Veneto
01_post Valle D'Aosta
01_post_Abruzzo
01_post_aste Emilia Romagna
01_post_aste Friuli Venezia Giulia
01_post_aste Liguria
01_post_aste Lombardia
01_post_aste Molise
01_post_aste Piemonte
01_post_aste Puglia
01_post_aste Toscana
01_post_aste Trentino Alto Adige
01_post_aste Umbria
01_post_aste Veneto
01_post_Lazio
01_post_Sardegna
01_post_Sicilia
01post_immobili_Campania
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
News aste
o1_post_aste Marche
Post dalla rete
post_aste_calabria
Video aste Abruzzo
Video aste Emilia Romagna
Video aste Friuli Venezia Giulia
Video aste Lazio
Video aste Liguria
Video aste Lombardia
Video aste Marche
Video aste Molise
Video aste Puglia
Video aste Sardegna
Video aste Sicilia
Video aste Toscana
Video aste Trentino Alto Adige
Video aste Umbria
Video aste Veneto
Video dalla rete
video_aste_calabria
   


Contribuzione al fondo pensione o riscatto di laurea? Si tratta di due strumenti messi spesso a confronto perch finalizzati all’ottenimento di un vantaggio in termini pensionistici. Tuttavia, per valutarne la convenienza, occorre analizzare la propria storia contributiva e definire prima l’obiettivo che si intende raggiungere

Michaela Camilleri

Fondo pensione e riscatto della laurea: due strumenti apparentemente simili perch entrambi finalizzati all’ottenimento di un vantaggio in termini pensionistici.Da una parte, con il riscatto di laurea, si versa una somma all’INPS per gli anni di studio che si intendono riscattare e si va a coprire in termini di contribuzione quel periodo come se si fosse iniziato a lavorare gi ai tempi dell’universit, con la possibilit di raggiungere un duplice obiettivo:anticipare il pensionamento e/o aumentare l’importo dell’assegno. Dall’altra parte, con il fondo pensione, si versano periodicamente dei contributi che si accumulano e che vengono investiti sui mercati finanziari ottenendo una serie di vantaggi fiscali con la finalit diintegrare la pensione pubblica,una vera e propria opportunit di risparmio di lungo periodo.

Di conseguenza, volendo mettere a confronto queste due strumenti per valutarne la convenienzasi tratta di definire prima l’obiettivo che si vuole raggiungere.

Come funziona il riscatto di laurea

Ilriscatto di laureaconsente di trasformare a pagamento gli anni di universit in anni utili al perfezionamento dei requisiti per la pensione. La facolt riconosciuta a patto che sia stato conseguito il diploma di laurea (o titolo equiparato): non infatti accordata a quanti, pur avendo seguito un corso di studi universitario, non lo abbiano poi concluso. , inoltre, necessario che nel periodo da riscattare l’interessato non sia stato contestualmente studente e lavoratore, muovendo dal presupposto che il richiedente per quel determinato periodo risulti gi “previdenzialmente coperto” proprio dall’attivit professionale svolta.

Quanto costa riscattare la laurea? L’onere di riscatto determinato con le norme che disciplinano la liquidazione della pensione con il metodo di calcolo retributivo o con quello contributivo, tenuto conto della collocazione temporale dei periodi oggetto di riscatto. Se i periodi da riscattare si collocano nel “regime retributivo”, il calcolo dell’importo da versare dipende damolteplici fattori, quali l’et, il genere, l’anzianit contributiva totale e le retribuzioni degli ultimi anni; nel “regime contributivo”, invece, l’importo del riscatto si calcola applicando alla retribuzione degli ultimi 12 mesi l’aliquota contributiva in vigore alla data di presentazione della domanda. Oltre al riscatto di laurea ordinario, la normativa prevede la possibilit di accedere alriscatto agevolato per chi ha periodi di studi da riscattare che ricadono sotto il regime contributivo (dall’1 gennaio 1996, per intenderci). In questo caso, ilcalcolo dell’importoda versare determinato sul minimale degli artigiani e commercianti nell’anno di presentazione della domanda, e in base all’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche, nel medesimo periodo, nel Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti (FPLD).Per il 2024 il reddito minimo annuo da prendere in considerazione ai fini del calcolo pari a 18.415 euroe il costo del riscatto agevolato pari a circa 6.076 euro per ogni anno di durata legale del corso universitario. La facolt di riscatto pu essere esercitata anche da soggetti inoccupati, non iscritti ad alcuna forma di previdenza obbligatoria. Va detto che l’onere di riscatto interamente deducibile e rateizzabile senza interessi in 10 anni.

Gli obiettivi del riscatto della laurea possono, dunque, essere due:anticipare il pensionamento, perch il riscatto utile ai fini del diritto, cio contribuisce adaumentare l’anzianit contributivanecessaria per raggiungere un determinato requisito pensionistico; aumentare l’importo dell’assegno, perch il riscatto utile anche ai fini del calcolo della pensione, nel senso che aggiunge anzianit contributiva utile al calcolo del montante e dunque va a incrementare ilvalore della prestazione pensionistica.In realt non sempre detto che si riescano a raggiungere entrambi gli obiettivi. Se, ad esempio, l’obiettivo anticipare il momento del pensionamento non sempre detto che il riscatto sia utile: per chiha iniziato a lavorare tardi, aggiungere anzianit contributiva potrebbe non servire perch potrebbe essere pi facile andare in pensione con un requisito basato sull’et, come la pensione di vecchiaia (oggi, 67 anni) o la pensione anticipata contributiva (oggi, 64 anni e 20 di contributi). Al contrario, per chi si laureato in corso e ha trovato subito occupazione, il riscatto di laurea potrebbe servire effettivamente ad anticipare il momento della pensione perch gli anni di contribuzione aggiunti possono servire a raggiungere prima il requisito di pensione anticipata (41 anni e 10 mesi per le lavoratrici, un anno in pi per i lavoratori) o altri requisiti che richiedono un’anzianit contributiva minima. Tutto dipende dalla storia contributiva di ciascun lavoratore.

Come funzione il fondo pensione

Il fondo pensionefunziona come un salvadanaioin cui confluiscono i versamenti contributivi dell’iscritto che vengono investiti sui mercati finanziari,nel rispetto di precise regole e secondo profili di rischio/rendimento variabili. La posizione finale dell’aderente dipender quindi da una serie di fattori: dall’importo complessivamente versato alla forma pensionistica complementare; dalla durata del periodo di contribuzione; dai costi sostenuti durante la partecipazione alla forma pensionistica; dai rendimenti (al netto della tassazione) ottenuti con l’investimento sui mercati di quanto versato .

Quanto costa aderire al fondo pensione? Tutti possono aderire a un fondo pensione,godendo di una serie di vantaggi fiscali in tutte fasi di partecipazione:dalla deducibilit dei contributi versati alla tassazione agevolata in fase di erogazione. Il costo di adesione al fondo pensione dipende dalla forma pensionistica scelta, rappresentato dall’Indicatore Sintetico dei Costi (ISC) ed confrontabile attraversoil comparatore dei costi messo a disposizione sul sito dell’Autorit di Vigilanza. Si pu contribuire al fondo pensione versando il proprio contributo e il TFR (per i lavoratori dipendenti). In alcuni casi, anche il previsto il contributo da parte del datore di lavoro.

L’obiettivo della previdenza complementare , dunque, integrare la pensione pubblica accantonando una parte dei risparmio in un’ottica di lungo periodo, che per prevedela possibilit di accedere a prestazioni intermedie,erogate cio prima del raggiungimento dei requisiti pensionistici. Uno dei falsi miti pi diffusi a proposito della previdenza complementare riguarda proprio l’indisponibilit delle somme versate fino al momento del pensionamento. In realt, le somme accumulate nella propria posizione individuale restanoa disposizione dell’iscritto anche nel corso della propria vita lavorativa,seppur con modalit e con riferimento ad alcune specifiche circostanze, e possono essere richieste per anticipazioni, riscatti e trasferimenti.

Se la finalit integrare la pensione di base, utile allora confrontarel’effetto che produce il versamento all’INPS dell’importo del riscattoel’effetto che produce un versamento di pari importo nella previdenza complementare.

Michaela Camilleri, Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali

10/4/2024

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui