Se hai intenzione di comprare una casa per abitarci o per investire, comprare casa all’asta può rivelarsi una delle opzioni migliori.

Abbiamo trovato delle favolose possibilità, con risparmi fino al 70%.

Abruzzo     Basilicata     Calabria      Campania      Emilia Romagna

Friuli Venezia Giulia       Lazio      Liguria    Lombardia      Marche

Molise     Piemonte     Puglia     Sardegna     Sicilia

         Toscana     Trentino Alto Adige      Umbria        Vall D’Aosta      Veneto

 

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#adessonews
#finsubito post aste #finsubiro
#finsubitoaste
#finsubitoaste Abruzzo
#finsubitoaste Calabria
#finsubitoaste Campania
#finsubitoaste Emilia-Romagna
#finsubitoaste Friuli Venezia Giulia
#finsubitoaste Lazio
#finsubitoaste Liguria
#finsubitoaste Lombardia
#finsubitoaste Marche
#finsubitoaste Molise
#finsubitoaste Piemonte
#finsubitoaste Puglia
#finsubitoaste Sardegna
#finsubitoaste Sicilia
#finsubitoaste Toscana
#finsubitoaste Trentino Alto Adige
#finsubitoaste Umbria
#finsubitoaste Valle D'Aosta
#finsubitoaste Veneto
01_post Valle D'Aosta
01_post_Abruzzo
01_post_aste Emilia Romagna
01_post_aste Friuli Venezia Giulia
01_post_aste Liguria
01_post_aste Lombardia
01_post_aste Molise
01_post_aste Piemonte
01_post_aste Puglia
01_post_aste Toscana
01_post_aste Trentino Alto Adige
01_post_aste Umbria
01_post_aste Veneto
01_post_Lazio
01_post_Sardegna
01_post_Sicilia
01post_immobili_Campania
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
News aste
o1_post_aste Marche
Post dalla rete
post_aste_calabria
Video aste Abruzzo
Video aste Emilia Romagna
Video aste Friuli Venezia Giulia
Video aste Lazio
Video aste Liguria
Video aste Lombardia
Video aste Marche
Video aste Molise
Video aste Puglia
Video aste Sardegna
Video aste Sicilia
Video aste Toscana
Video aste Trentino Alto Adige
Video aste Umbria
Video aste Veneto
Video dalla rete
video_aste_calabria
   




Ultim’ora News


Non solo Documento di economia e finanza. Il consiglio dei ministri ha approvato il 12esimo schema di decreto legislativo di attuazione della riforma fiscale (8 sono già in Gazzetta ufficiale e altri quattro sono all’esame delle Commissioni parlamentari) riguardante le successioni e donazioni, l’imposta di registro, di bollo e degli altri tributi indiretti diversi dall’Iva.

Il provvedimento «si basa su semplificazione, certezza diritto e razionalizzazione», ha spiegato il viceministro dell’Economia, Maurizio Leo. Entrando nello specifico dei contenuti, le più importanti novità riguardano «la disciplina dei trust, il trasferimento di aziende in ambito familiare, la dichiarazione di successione, l’adeguamento della disciplina sulle donazioni alle previsioni sull’imposta di successione». Tutti aspetti che entreranno in vigore a partire dal primo gennaio 2025.

Prima precisazione contenuta nel decreto è che l’imposta successoria verrà applicata ai trasferimenti di beni e diritti per causa di morte e anche per donazione o a titolo gratuito, «compresi i trasferimenti derivanti da trust e altri vincoli di destinazione». Due, qui, le fattispecie legate alla territorialità: se chi dispone del trust è residente nello Stato al momento della separazione patrimoniale, la tassa sarà dovuta in relazione a tutti i beni e diritti trasferiti ai beneficiari, mentre in caso contrario sarà dovuta solo in relazione a beni e diritti presenti nel territorio nazionale.

Il meccanismo dell’autoliquidazione

Nessun ritocco a scaglioni e aliquote, la scelta è quella di modificare il principio di tassazione: si introduce l’autoliquidazione dell’imposta sulle successioni «il che accelererà tutti i procedimenti e semplificherà l’attività degli uffici finanziari» evidenzia Leo. L’imposta dunque sarà versata e liquidata dal contribuente senza attendere di ricevere l’avviso da parte dell’Agenzia delle entrate. L’ente sarà incaricato invece subentrerà di controllare a posteriori la correttezza della liquidazione.

Modifiche anche nelle modalità e nelle tempistiche. Non solo la presentazione della dichiarazione diventa totalmente digitale, tranne che per i residenti all’estero, ma è anche ridotta la documentazione da allegare alla dichiarazione, ad esempio i riferimenti agli estratti catastali relativi agli immobili. Il contribuente poi dovrà versare il contributo dovuto entro 90 giorni dalla presentazione della dichiarazione.

Versamento anticipato valido anche per i trust già esistenti

Il decreto introduce poi una norma già prevista nella circolare 34/2022 dell’Agenzia delle entrate sulla tassazione, con una novità sostanziale: la possibilità per il disponente, nel caso di trust testamentari per il trustee, di versare il tributo in modo volontario e anticipato, al momento del conferimento dei beni ovvero dell’apertura della successione, consentendo così ai contribuenti una più certa programmazione fiscale e all’Erario un incasso anticipato rispetto al momento in cui saranno trasferiti i beni e i diritti ai beneficiari. Tale possibilità di versamento anticipato sarà valida anche per i trust già costituiti.

L’imposta successoria è determinata con riferimento al valore dei beni al momento del conferimento e al rapporto esistente tra disponente e beneficiario in tale momento, con la precisazione che, qualora i beneficiari non siano individuati, si applica l’aliquota più elevata senza tener conto delle franchigie.

Imposta di registro autoliquidate

Per le donazioni, ha aggiunto Leo, «abbiamo creato una sostanziale equiparazione con la disciplina sulle successioni». Nondimeno il principio di autoliquidazione è esteso all’imposta a tutte le tipologie di atti soggetti a imposta di registro: i trasferimenti a titolo oneroso di aziende, gli atti di divisione, le rendite vitalizie, gli atti di trasferimento di diritti edificatori, la tassazione dei contratti preliminari. Sono ancora esclusi però gli atti degli organi giudiziari e di quelli per i quali opera il principio della prenotazione del debito.

Nella pratica la registrazione sarà effettuata dal soggetto obbligato al relativo versamento, dunque il sistema dei contratti di locazione diventa il metodo ordinario per le imposte di registro.

Passaggi generazionali aziendali più tutelati

Il 12 decreto legislativo attuativo della riforma fiscale interviene inoltre sui passaggi generazionali delle aziende, rafforzandone le tutele. Affinché i discendenti o il coniuge abbiano benefici sul versante tributario, è necessario che o acquisiscano il 51% delle partecipazioni alla società o incrementi la propria partecipazione anche superando il 51%. Resta confermata la necessità che la partecipazione o l’attività d’impresa sia continuata dal soggetto che ha avuto il beneficio per almeno 5 anni, quindi sia le aziende sia le partecipazioni devono essere mantenute per almeno 5 anni.

Pagamento dei bolli con il modello F24

Nel dlgs Successioni «non c’è una norma che riguarda il superbollo auto, che già fa parte della delega fiscale, ma verrà realizzato quando si troveranno le risorse» ha precisato il viceministro Leo. Più in generale per le imposte di bollo viene riconosciuta la possibilità di saldare il pagamento «per gli atti soggetti a registrazione entro un termine fisso con il meccanismo dell’F24».

Per le tasse ipotecarie e catastali si passa poi alla forfettizzazione del tributo revisionando l’elenco delle voci come debuttano i servizi legati all’anagrafe immobiliare, per cui l’indicazione resta quella di gratuità relativa alle consultazione della base informativa catastale per via telematica. (riproduzione riservata)

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui