Se hai intenzione di comprare una casa per abitarci o per investire, comprare casa all’asta può rivelarsi una delle opzioni migliori.

Abbiamo trovato delle favolose possibilità, con risparmi fino al 70%.

Abruzzo     Basilicata     Calabria      Campania      Emilia Romagna

Friuli Venezia Giulia       Lazio      Liguria    Lombardia      Marche

Molise     Piemonte     Puglia     Sardegna     Sicilia

         Toscana     Trentino Alto Adige      Umbria        Vall D’Aosta      Veneto

 

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#adessonews
#finsubito post aste #finsubiro
#finsubitoaste
#finsubitoaste Abruzzo
#finsubitoaste Calabria
#finsubitoaste Campania
#finsubitoaste Emilia-Romagna
#finsubitoaste Friuli Venezia Giulia
#finsubitoaste Lazio
#finsubitoaste Liguria
#finsubitoaste Lombardia
#finsubitoaste Marche
#finsubitoaste Molise
#finsubitoaste Piemonte
#finsubitoaste Puglia
#finsubitoaste Sardegna
#finsubitoaste Sicilia
#finsubitoaste Toscana
#finsubitoaste Trentino Alto Adige
#finsubitoaste Umbria
#finsubitoaste Valle D'Aosta
#finsubitoaste Veneto
01_post Valle D'Aosta
01_post_Abruzzo
01_post_aste Emilia Romagna
01_post_aste Friuli Venezia Giulia
01_post_aste Liguria
01_post_aste Lombardia
01_post_aste Molise
01_post_aste Piemonte
01_post_aste Puglia
01_post_aste Toscana
01_post_aste Trentino Alto Adige
01_post_aste Umbria
01_post_aste Veneto
01_post_Lazio
01_post_Sardegna
01_post_Sicilia
01post_immobili_Campania
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
News aste
o1_post_aste Marche
Post dalla rete
post_aste_calabria
Video aste Abruzzo
Video aste Emilia Romagna
Video aste Friuli Venezia Giulia
Video aste Lazio
Video aste Liguria
Video aste Lombardia
Video aste Marche
Video aste Molise
Video aste Puglia
Video aste Sardegna
Video aste Sicilia
Video aste Toscana
Video aste Trentino Alto Adige
Video aste Umbria
Video aste Veneto
Video dalla rete
video_aste_calabria
   


Investing.com – I dati sull’inflazione negli Stati Uniti saranno al centro dell’attenzione questa settimana, dopo che il report sull’occupazione di venerdì scorso ha sollevato la prospettiva che la Federal Reserve possa ritardare ancora i tagli ai tassi di interesse. Le grandi banche danno il via alla stagione degli utili, la Banca Centrale Europea si riunisce e i rischi geopolitici sembrano destinati a continuare a sostenere i prezzi del petrolio. Ecco gli eventi da seguire questa settimana.

  1. Dati sull’inflazione negli Stati Uniti

Gli economisti si aspettano che l’inflazione core, che esclude i costi di cibo e carburante, rallenti al rispetto al 3,8% del mese precedente.

I dati sui di giovedì dovrebbero indicare un aumento più moderato.

I dati sull’inflazione arrivano dopo che venerdì i numeri hanno mostrato che l’economia statunitense ha creato il mese scorso mentre i salari sono aumentati a un ritmo costante, indicando che il ritmo dell’inflazione potrebbe essere lento o moderato.

La combinazione di forti dati sull’occupazione e di un lento progresso dell’inflazione negli ultimi due mesi ha amplificato l’invito dei vertici della Fed – tra cui il presidente Jerome Powell – a essere “pazienti” nell’avvicinarsi alla decisione di tagliare i tassi.

  1. Verbali della Fed

Mercoledì la Fed pubblicherà i della riunione di marzo, durante la quale i funzionari hanno continuato a prevedere tre tagli per quest’anno, anche se con meno convinzione rispetto alle previsioni della fine dello scorso anno.

Sulla scia dei dati occupazionali di venerdì, i mercati monetari prevedono ora due tagli dei tassi quest’anno, rispetto ai tre precedenti.

Giovedì gli osservatori del mercato avranno anche la possibilità di ascoltare il Presidente della Fed di New York John .

Venerdì il governatore della Fed Michelle Bowman ha sminuito l’urgenza di tagliare i tassi e ha avvertito che, se i progressi in materia di inflazione dovessero arrestarsi, la banca centrale potrebbe essere costretta a rialzare i tassi.

  1. Guadagni

Le relazioni trimestrali delle principali banche daranno il via alla stagione degli utili venerdì.

Gli investitori contano sul fatto che i solidi utili societari di quest’anno sosterranno l’aumento delle valutazioni, dato che il mercato azionario è salito a livelli record.

L’indice è in rialzo di oltre il 9% su base annua, dopo la più forte performance del primo trimestre dal 2019. Ma l’asticella potrebbe alzarsi per far sì che i titoli continuino ad avanzare a questo ritmo, aumentando la pressione sulle aziende affinché producano risultati solidi.

Gli investitori ascolteranno anche le opinioni delle aziende sull’economia e sull’inflazione.

JPMorgan Chase (NYSE:), Citigroup Inc (NYSE:) e Wells Fargo (NYSE:) presenteranno tutti i risultati venerdì. Delta Air Lines (NYSE:) e BlackRock (NYSE:) sono tra gli altri grandi nomi che forniranno aggiornamenti trimestrali durante la settimana.

  1. Prezzi del petrolio

La scorsa settimana i prezzi del petrolio hanno registrato il secondo guadagno settimanale, sostenuti dalle tensioni geopolitiche in Medio Oriente, dalle preoccupazioni per la contrazione dell’offerta e dalle aspettative sulla crescita della domanda.

Venerdì il greggio si è attestato ai livelli più alti da ottobre. I future del sono saliti di 32 centesimi a 86,91 dollari al barile, mentre il si è attestato a 91,17 dollari al barile, in rialzo di 52 centesimi.

Le tensioni geopolitiche sembrano destinate a continuare a sostenere i prezzi del petrolio, mentre i mercati osservano i segnali di un conflitto diretto tra l’Iran, il terzo produttore OPEC, e Israele, che potrebbe ulteriormente restringere le forniture.

“Se l’Iran attacca direttamente Israele, non è mai successo prima”, ha dichiarato a Reuters Phil Flynn, analista del Price Futures Group. “È solo un’altra tessera del domino del rischio geopolitico che sta per cadere”.

  1. Vertice della BCE

La BCE si giovedì dovrebbe mantenere i tassi fermi prima di iniziare un ciclo di riduzione dei tassi a giugno.

I mercati vedono quasi il 100% di possibilità di un taglio di 25 punti base a giugno, per cui i commenti del presidente Christine Lagarde saranno tenuti sotto stretta osservazione per un eventuale via libera.

Una raffica di politici ha esplicitamente indicato giugno come data della prima mossa e gli ultimi dati hanno mostrato che l’Eurozona è scesa inaspettatamente al 2,4% a marzo, consolidando le aspettative di un taglio dei tassi.

Oltre alla BCE, i banchieri centrali di e si incontreranno mercoledì, mentre a Singapore e in Corea del Sud venerdì non sono previste modifiche dei tassi.

(Articolo realizzato con il contributo di Reuters)



 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui