Se hai intenzione di comprare una casa per abitarci o per investire, comprare casa all’asta può rivelarsi una delle opzioni migliori.

Abbiamo trovato delle favolose possibilità, con risparmi fino al 70%.

Abruzzo     Basilicata     Calabria      Campania      Emilia Romagna

Friuli Venezia Giulia       Lazio      Liguria    Lombardia      Marche

Molise     Piemonte     Puglia     Sardegna     Sicilia

         Toscana     Trentino Alto Adige      Umbria        Vall D’Aosta      Veneto

 

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#adessonews
#finsubito post aste #finsubiro
#finsubitoaste
#finsubitoaste Abruzzo
#finsubitoaste Calabria
#finsubitoaste Campania
#finsubitoaste Emilia-Romagna
#finsubitoaste Friuli Venezia Giulia
#finsubitoaste Lazio
#finsubitoaste Liguria
#finsubitoaste Lombardia
#finsubitoaste Marche
#finsubitoaste Molise
#finsubitoaste Piemonte
#finsubitoaste Puglia
#finsubitoaste Sardegna
#finsubitoaste Sicilia
#finsubitoaste Toscana
#finsubitoaste Trentino Alto Adige
#finsubitoaste Umbria
#finsubitoaste Valle D'Aosta
#finsubitoaste Veneto
01_post Valle D'Aosta
01_post_Abruzzo
01_post_aste Emilia Romagna
01_post_aste Friuli Venezia Giulia
01_post_aste Liguria
01_post_aste Lombardia
01_post_aste Molise
01_post_aste Piemonte
01_post_aste Puglia
01_post_aste Toscana
01_post_aste Trentino Alto Adige
01_post_aste Umbria
01_post_aste Veneto
01_post_Lazio
01_post_Sardegna
01_post_Sicilia
01post_immobili_Campania
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
News aste
o1_post_aste Marche
Post dalla rete
post_aste_calabria
Video aste Abruzzo
Video aste Emilia Romagna
Video aste Friuli Venezia Giulia
Video aste Lazio
Video aste Liguria
Video aste Lombardia
Video aste Marche
Video aste Molise
Video aste Puglia
Video aste Sardegna
Video aste Sicilia
Video aste Toscana
Video aste Trentino Alto Adige
Video aste Umbria
Video aste Veneto
Video dalla rete
video_aste_calabria
   

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali


Detrazione degli interessi passivi dopo rinegoziazione, surroga o sostituzione del mutuo

Abbiamo la possibilità di rinegoziare o surrogare il mutuo stipulato per l’acquisto dell’ abitazione principale.

La rinegoziazione del mutuo consiste nel presentare formale richiesta tramite raccomandata a.r. alla banca che ci ha concesso il mutuo per rivedere alcune delle condizioni contrattuali.

Lo scopo della domanda di rinegoziazione è ottenere condizioni economiche migliori con cui proseguire a pagare le rate mancanti.

Detraibilità interessi passivi post surroga, rinegoziazione, sostituzione mutuo – Getty Images

La surroga del mutuo (chiamata anche portabilità), invece, si verifica quando trasferiamo il mutuo in essere presso un altro istituto di credito e, come nel caso della rinegoziazione, senza variare l’importo del finanziamento.

L’operazione è esente da costi aggiuntivi a nostro carico, sia da parte della banca che lasciamo sia da parte di quella dove spostiamo il nostro contratto di mutuo.

In entrambi i casi, si mantiene il diritto alla detrazione degli interessi passivi.

Attenzione a non confondere rinegoziazione e surroga con sostituzione del mutuo.

La differenza è sostanziale, infatti, la sostituzione implica costi che le altre due opzioni non hanno.

Come funziona la sostituzione del mutuo e quando scegliere questa soluzione

La sostituzione del mutuo si verifica quando si modifica l’importo del capitale chiesto a prestito, non solo le condizioni economiche del contratto.

Bisogna provvedere all’estinzione totale del vecchio mutuo e all’accensione di un nuovo contratto di mutuo presso un’altra banca.

La vecchia banca potrebbe applicarci delle penali per estinzione anticipata del finanziamento, se previsto nel contratto firmato a suo tempo, a cui si aggiungono gli oneri per l’apertura del nuovo mutuo (atto notarile, spese di istruttoria, perizia, per citare quelle standard).

Per chi è una buona soluzione il mutuo di sostituzione?

Per il mutuatario che necessita un prestito aggiuntivo e in questo modo può modificare l’importo del capitale a finanziamento.

E lo fa passando a una banca che gli offre condizioni e tassi di interesse più convenienti.

Anche nel caso di sostituzione del mutuo si mantiene il diritto alla detrazione degli interessi passivi in sede di dichiarazione dei redditi.

Perché si sceglie di surrogare il mutuo?

La circostanza più frequente è quella del mutuatario che ha l’esigenza di ridurre l’importo della rata mensile e lo fa cercando una banca che gli offra un piano di ammortamento meno pesante.

Surrogare il mutuo - foto Getty ImagesSurrogare il mutuo – foto Getty Images

Questa opzione è gratuita, come già detto, non prevede aggravio di costi per l’intestatario del mutuo.

Inoltre, la surroga è uno strumento senza limiti di utilizzo.

Ciò significa che, se necessario, il mutuatario può surrogare il mutuo più volte, chiaramente previa accettazione da parte dell’istituto di credito interessato.

Calcolo della quota d’interessi detraibili dopo rinegoziazione, surroga o sostituzione del mutuo

Se la rinegoziazione del mutuo presso la propria banca o la sua surroga con altra banca genera un importo di capitale superiore rispetto a quello del mutuo originario (ad esempio, perché si è concordato con la propria banca una rata mensile più bassa e quindi una maggiore dilazione nel tempo), la detrazione degli interessi passivi spetta con riferimento alla quota residua di capitale del vecchio mutuo.


Cosa succede agli interessi se un mutuo cointestato tra coniugi, a seguito di surroga o sostituzione, viene intestato solo a uno dei due?

L’Agenzia delle Entrate ha precisato che in questa circostanza si conservano i benefici fiscali anche se il mutuo ora è contratto da uno solo degli originari mutuatari.

E ha confermato lo stesso meccanismo per il mutuo intestato a uno solo dei coniugi, che a seguito di sostituzione o surroga viene intestato a entrambi.

Detrazione interessi passivi in caso di accollo del mutuo

È possibile trasmettere il beneficio fiscale della detrazione degli interessi passivi attraverso l’accollo del mutuo.

Questa circostanza si verifica generalmente in caso di morte del mutuatario oppure per separazione dei coniugi.

In entrambi i casi, non si perde il beneficio della detrazione degli interessi passivi.

Accollo del mutuo per decesso del mutuatario

In linea generale, in caso di successione a causa di morte, la detrazione spetta agli eredi, incluso il coniuge superstite contitolare del mutuo, ciascuno in proporzione alla propria percentuale di competenza.

Però, se un singolo erede si prende in carico l’onere di pagare l’intera quota delle rate residue di mutuo, potrà portare in detrazione la quota massima spettante per gli interessi passivi.

Accollo del mutuo causa separazione

Nel caso di separazione tra coniugi cointestatari del mutuo, sarà il coniuge che è diventato proprietario esclusivo dell’immobile, previo accollo del relativo mutuo, ad avere diritto a portare in detrazione gli interessi passivi.

A questo scopo è fondamentale, ai fini dei controlli fiscali da parte dell’Agenzia Entrate, che l’accollo risulti formalizzato in un atto pubblico o in una scrittura privata autenticata in cui si attesti che l’intero onere è stato sostenuto dal coniuge A facendosi carico anche della quota intestata all’ex coniuge B.

Accolo del mutuo con atto pubblico o scrittura privata autenticata - Getty ImagesAccollo del mutuo con atto pubblico o scrittura privata autenticata – Getty Images

Inoltre, è bene conservare, unitamente alla documentazione di accollo, anche le ricevute di pagamento degli interessi.

In questo caso non occorre provvedere alla reintestazione del contratto di mutuo.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui