Se hai intenzione di comprare una casa per abitarci o per investire, comprare casa all’asta può rivelarsi una delle opzioni migliori.

Abbiamo trovato delle favolose possibilità, con risparmi fino al 70%.

Abruzzo     Basilicata     Calabria      Campania      Emilia Romagna

Friuli Venezia Giulia       Lazio      Liguria    Lombardia      Marche

Molise     Piemonte     Puglia     Sardegna     Sicilia

         Toscana     Trentino Alto Adige      Umbria        Vall D’Aosta      Veneto

 

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#adessonews
#finsubito post aste #finsubiro
#finsubitoaste
#finsubitoaste Abruzzo
#finsubitoaste Calabria
#finsubitoaste Campania
#finsubitoaste Emilia-Romagna
#finsubitoaste Friuli Venezia Giulia
#finsubitoaste Lazio
#finsubitoaste Liguria
#finsubitoaste Lombardia
#finsubitoaste Marche
#finsubitoaste Molise
#finsubitoaste Piemonte
#finsubitoaste Puglia
#finsubitoaste Sardegna
#finsubitoaste Sicilia
#finsubitoaste Toscana
#finsubitoaste Trentino Alto Adige
#finsubitoaste Umbria
#finsubitoaste Valle D'Aosta
#finsubitoaste Veneto
01_post Valle D'Aosta
01_post_Abruzzo
01_post_aste Emilia Romagna
01_post_aste Friuli Venezia Giulia
01_post_aste Liguria
01_post_aste Lombardia
01_post_aste Molise
01_post_aste Piemonte
01_post_aste Puglia
01_post_aste Toscana
01_post_aste Trentino Alto Adige
01_post_aste Umbria
01_post_aste Veneto
01_post_Lazio
01_post_Sardegna
01_post_Sicilia
01post_immobili_Campania
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
News aste
o1_post_aste Marche
Post dalla rete
post_aste_calabria
Video aste Abruzzo
Video aste Emilia Romagna
Video aste Friuli Venezia Giulia
Video aste Lazio
Video aste Liguria
Video aste Lombardia
Video aste Marche
Video aste Molise
Video aste Puglia
Video aste Sardegna
Video aste Sicilia
Video aste Toscana
Video aste Trentino Alto Adige
Video aste Umbria
Video aste Veneto
Video dalla rete
video_aste_calabria
   

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali


Parliamo di agevolazioni con Legge 104 sulle utenze domestiche (scopri le ultime notizie su Legge 104invalidità civilecategorie protettediritto del lavorosussidiofferte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsAppTelegram e Facebook).

Agevolazioni con Legge 104 sulle utenze domestiche: a cosa si ha diritto

Molti credono che le agevolazioni con Legge 104 sulle utenze domestiche vengano garantite a tutte le persone a cui sia stata riconosciuta una disabilità e per qualsiasi tipo di utenza domestica.

In realtà non è così, perché in generale le agevolazioni sulle utenze domestiche si ottengono rispettando anche dei requisiti reddituali, al di là del fatto che sia stata accertata o meno una disabilità.

L’unica agevolazione sulle bollette destinata alle persone disabili in condizioni gravi è il Bonus disagio fisico, ma anche per ottenere questo bonus è necessario rispettare dei requisiti, come vedremo tra poco.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Acquista la nostra Guida Completa alle agevolazioni su auto e sussidi della Legge 104. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Il governo, tra l’altro, non ha rinnovato il contributo extra sul Bonus sociale, quindi si prevede un’impennata delle spese sulle bollette, che ovviamente andrà a pesare maggiormente sulle persone vulnerabili.

Andiamo quindi a vedere qual è la situazione attuale e parliamo anche della fine del mercato tutelato, che prevede comunque la tutela dei clienti considerati vulnerabili.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

A chi spettano le agevolazioni con Legge 104 sulle utenze domestiche

A chi spettano i bonus sociali e quali sono

I bonus sociali (per l’energia elettrica, il gas e l’acqua) sono vantaggi diversi previsti dalla legge, e coloro che ne beneficiano hanno anche diritto al servizio di tutela per la vulnerabilità. I bonus sociali sono:

  • il Bonus disagio fisico è concesso a coloro che utilizzano dispositivi medici salvavita a casa (per la bolletta della luce).

Scopri se spetta il Bonus bollette 2024 ai pensionati con disabilità.

A chi spetta il Bonus Sociale, luce, acqua e gas

Per il Bonus sociale per disagio economico, i requisiti sono alternativamente i seguenti:

  • ISEE inferiore a 9.530 euro, nucleo familiare con almeno quattro figli a carico (famiglia numerosa);

Nel quarto trimestre del 2023 era stato previsto anche un contributo straordinario per i beneficiari del Bonus bollette, che cresceva in base al numero dei componenti del nucleo familiare, ma il contributo extra adesso non è più disponibile.

I bonus sociali vengono applicati automaticamente alle famiglie che hanno presentato l’ISEE.

Ecco la lista dei Bonus in aiuto alle famiglie 2024, con un approfondimento di ogni agevolazione.

A chi spetta il Bonus disagio fisico

Il Bonus disagio fisico è un sostegno per coloro che affrontano malattie gravi che richiedono l’uso di dispositivi elettromedicali cruciali per la loro sopravvivenza.

Questo beneficio può essere richiesto anche nel caso in cui il paziente non sia il titolare della bolletta, a condizione che risieda nella stessa abitazione per cui viene richiesto il bonus.

I dispositivi elettromedicali salvavita idonei per ottenere il bonus sono stati identificati mediante il decreto emanato dal Ministero della Salute il 13 gennaio 2011.

Per ottenere tale agevolazione non esistono procedure automatiche; è necessario presentare una domanda, utilizzando i moduli disponibili sul portale ARERA. Qui sotto ti mettiamo a disposizione il modulo, che puoi consultare e anche scaricare:

È obbligatorio allegare un certificato ASL che attesti la gravità della situazione. Non è richiesto il documento ISEE, poiché questa agevolazione non è vincolata alle condizioni economiche.

Il valore del Bonus elettrico per disagio fisico viene determinato dall’ARERA, tenendo conto della potenza contrattuale, dei dispositivi elettromedicali salvavita in uso e del tempo giornaliero di utilizzo degli stessi.

Dispositivo Elettromedicale Descrizione
Pacemaker Dispositivo per regolare il battito cardiaco
Respiratore Apparecchio per assistere la respirazione
Monitoraggio Cardiaco Dispositivo per monitorare l’attività cardiaca
Dialisi Peritoneale Sistema per il trattamento dell’insufficienza renale
Ventilatore Polmonare Dispositivo per la ventilazione polmonare
Tabella con i dispositivi elettromedicali salvavita idonei al Bonus disagio fisico

Ti mostriamo un elenco dei bonus bollette per persone disabili: come puoi risparmiare sulle spese di luce, gas, acqua e telefono se sei una persona disabile o hai un familiare con disabilità a carico.

Agevolazioni con Legge 104 sulle utenze domestiche
Agevolazioni con Legge 104 sulle utenze domestiche

Agevolazioni con Legge 104 sulle utenze domestiche e mercato tutelato

Nuove disposizioni di tutela per il gas nel 2024: chi ne beneficia

L’inizio del 2024 ha segnato una svolta nel settore dell’energia domestica, con il passaggio al mercato libero per la fornitura di gas, mentre a luglio è previsto un analogo cambiamento per le bollette dell’elettricità.

Tuttavia, non tutti sono coinvolti in questa transizione: i clienti considerati vulnerabili continueranno a godere della protezione delle tariffe stabilite dall’ARERA, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente.

Anche in questo caso, non è necessario essere titolari di Legge 104, anche se il riconoscimento della disabilità è uno dei requisiti di accesso. L’importante è essere stati riconosciuti “vulnerabili”.

Bollette del gas più care per i vulnerabili rispetto a quelle che pagherà chi non ha scelto un operatore del mercato libero nelle “tutele graduali”, dove il prezzo sarà calmierato fino al 2027. Un evidente paradosso. Vediamo come, perché e come dovrebbero comportarsi i cittadini.

Chi sono i clienti considerati vulnerabili per la fornitura di gas

Per quanto riguarda il gas, sono considerati vulnerabili e quindi eleggibili per le tariffe stabilite dall’ARERA i seguenti utenti domestici:

  • coloro che versano in condizioni economicamente svantaggiate, con un ISEE fino a 8.107,5 euro (come definito dall’articolo 1, comma 75, della Legge 124/17);
  • coloro che si trovano in una situazione di emergenza in seguito a eventi calamitosi;
  • persone con un’età superiore ai 75 anni;

La distinzione tra i diversi gruppi di utenti vulnerabili può causare confusione. Ad esempio, i soggetti economicamente svantaggiati sono già titolari del Bonus Sociale per disagio economico, il che può portare a un malinteso tra i due benefici.

Inoltre, l’interpretazione dei requisiti da parte dei fornitori di energia, tramite moduli personalizzati, può aggiungere ulteriori dubbi.

In alcuni casi, tali fornitori estendono i criteri di ammissibilità, estendendo il beneficio delle tariffe protette anche a coloro che non sono diretti titolari dell’utenza, ma ne fanno parte del nucleo familiare.

Scopri cosa sapere a riguardo delle persone disabili e mercato libero: è obbligatorio il passaggio a questo tipo di mercato?

È iniziato il conto alla rovescia per l’arrivo del mercato libero di luce e gas e la fine del mercato tutelato, quello che con le tariffe imposte da Arera. Vediamo quali sono i pro e i contro per i consumatori con questo passaggio.

Chi ha diritto alla maggior tutela e al Bonus sociale gas

Di norma, per quanto riguarda la fornitura di gas, il diritto alla maggior tutela è garantito solo se il titolare dell’utenza è la persona considerata vulnerabile.

Per l’elettricità, invece, possono beneficiare della maggior tutela anche i titolari di utenze nelle quali risiede una persona che fa uso di apparecchi elettrici salva-vita (e che quindi ha diritto al bonus sociale elettrico per disagio fisico).

Scopri per le bollette di luce e gas che succede se non si passa al mercato libero.

Come sapere se si è sul mercato libero o tutelato

Vuoi sapete se sei sotto la tutela o sei libero sul mercato energetico? Tutti i dettagli del contratto di energia, inclusi dati anagrafici, condizioni contrattuali e misurazioni, sono consultabili online sul Portale Consumi dell’ARERA, accessibile tramite credenziali SPID.

Per il gas, l’indicazione principale della tutela è visibile sulla bolletta, in evidenza insieme ai codici di fornitura.

Per l’elettricità, oltre all’informazione sulla bolletta, è importante sapere che la maggior parte delle forniture sotto tutela sono del Servizio Elettrico Nazionale.

Da tenere presente: entro il 31 giugno 2024, coloro che attualmente sono nel mercato libero possono ancora scegliere di passare al mercato tutelato dell’energia elettrica. Ciò permetterà loro di usufruire automaticamente del servizio a tutele gradualmente attive a partire da luglio.

Vediamo cosa succede ai cittadini che non scelgono un nuovo fornitore.

Come ottenere la bolletta per vulnerabili

Se rientri in una delle categorie di clienti vulnerabili, il tuo fornitore di energia dovrebbe già essere a conoscenza della tua condizione e applicare tariffe agevolate.

Questo avviene automaticamente se hai la Legge 104 o se usufruisci del Bonus Sociale con requisito ISEE, oppure se sei utente di strutture emergenziali.

Tuttavia, se ciò non accade, devi presentare una domanda al tuo fornitore di energia. Puoi farlo utilizzando il modulo di certificazione vulnerabilità che ti mettiamo a disposizione qui sotto:

Ricapitolando:

  • se sei già sotto il regime di mercato tutelato, in tre casi su quattro la permanenza è automatica. Nel quarto caso, devi comunicare la tua situazione tramite il modulo;
  • se non sei già sotto il regime di mercato tutelato ma desideri entrarvi, devi fare la comunicazione entro dicembre 2024, autocertificando il diritto per Legge 104. Da gennaio 2025, puoi contattare il servizio clienti del fornitore per richiedere il passaggio al regime di tutela per la vulnerabilità.

Bollette di luce e gas, visti i rincari degli ultimi mesi sono molte le famiglie che si chiedono se è ancora possibile tornare alla maggior tutela, che offre una stabilità dei prezzi. Vediamo in questo post se e come è possibile e come funziona la procedura.

Quali clienti saranno protetti nel mercato elettrico tutelato

Dal 1° luglio 2024, il mercato protetto dell’elettricità subirà importanti cambiamenti. I requisiti per rimanervi in quanto cliente vulnerabile sono leggermente diversi. Per qualificarsi, è necessario soddisfare almeno uno dei seguenti criteri:

  • aver un reddito economico basso, con un ISEE fino a 8.107,5 euro (come specificato dall’articolo 1, comma 75, della legge 124/17);
  • essere riconosciuti come disabili ai sensi dell’articolo 3 della Legge 104/92;
  • avere un’età superiore ai 75 anni;
  • vivere con persone che necessitano di tali apparecchiature salvavita;
  • risiedere in una struttura di emergenza a causa di eventi calamitosi;
  • essere domiciliati in un’isola minore non collegata alla rete elettrica principale.

Questi criteri, come vedi, includono tutte le categorie di vulnerabilità precedentemente definite, aggiungendo le condizioni mediche che richiedono apparecchiature alimentate elettricamente e l’ubicazione in isole minori non collegate alla rete.

Il procedimento rimane invariato: i clienti che soddisfano i requisiti vengono automaticamente identificati come vulnerabili o possono presentare una richiesta tramite un modulo di autocertificazione (lo abbiamo messo già a disposizione nel precedente paragrafo).

Per quanto riguarda i clienti non vulnerabili, saranno trasferiti al fornitore del mercato libero vincitore dell’asta, secondo le condizioni del Servizio a Tutele Graduali (STG).

FAQ sulle agevolazioni con Legge 104 sulle utenze domestiche e sul mercato tutelato

Cosa cambia nel Bonus bollette 2024 rispetto al 2023?

In merito al Bonus bollette, nel 2024 ci sono alcune variazioni significative rispetto all’anno precedente. La prima e più rilevante è la riduzione dei fondi: nel primo trimestre del 2024, i fondi disponibili sono stati solo 200 milioni, a differenza dei 400 milioni disponibili nel 2023. Questa decisione deriva dalla manovra di bilancio 2024.

Qual è l’importo del beneficio del Bonus bollette 2024?

L’importo del beneficio dipenderà dalla platea considerata. Se si tratta della platea più ristretta (ISEE fino a 9.530 euro. Se, invece, si considera l’ISEE fino a 15.000 euro, l’importo del contributo sarà ridotto dell’80%.

NO, l’importo extra per il Bonus bollette 2024 ad aprile 2024 è stato eliminato.

Come si effettua il passaggio al mercato libero di luce e gas?

Il passaggio al mercato libero per il gas inizia a gennaio e per l’elettricità ad aprile. I clienti possono scegliere un’offerta dal loro attuale venditore o cercarne una nuova nel mercato libero. In assenza di una scelta, passeranno automaticamente a una fornitura con condizioni stabilite dall’Autorità. Per le utenze luce, il processo è simile, con l’aggiunta del Servizio a tutele graduali (Stg) per tre anni, fino al 2027, in caso di mancanza di una scelta attiva.

Quali sono le differenze di tariffe nel mercato libero?

Nel mercato libero, i fornitori possono stabilire liberamente le tariffe, creando una concorrenza che può portare a maggiori risparmi per i consumatori. Esistono tariffe fisse, più prevedibili ma generalmente più costose, e tariffe variabili, meno prevedibili ma spesso più convenienti. Anche le offerte di energia elettrica nel mercato libero presentano tariffe differenziate in base alle fasce orarie. Gli utenti possono confrontare le varie offerte attraverso il portale dell’ARERA, per scegliere la più conveniente in base ai propri consumi.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulla Legge 104:

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui