Se hai intenzione di comprare una casa per abitarci o per investire, comprare casa all’asta può rivelarsi una delle opzioni migliori.

Abbiamo trovato delle favolose possibilità, con risparmi fino al 70%.

Abruzzo     Basilicata     Calabria      Campania      Emilia Romagna

Friuli Venezia Giulia       Lazio      Liguria    Lombardia      Marche

Molise     Piemonte     Puglia     Sardegna     Sicilia

         Toscana     Trentino Alto Adige      Umbria        Vall D’Aosta      Veneto

 

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#adessonews
#finsubito post aste #finsubiro
#finsubitoaste
#finsubitoaste Abruzzo
#finsubitoaste Calabria
#finsubitoaste Campania
#finsubitoaste Emilia-Romagna
#finsubitoaste Friuli Venezia Giulia
#finsubitoaste Lazio
#finsubitoaste Liguria
#finsubitoaste Lombardia
#finsubitoaste Marche
#finsubitoaste Molise
#finsubitoaste Piemonte
#finsubitoaste Puglia
#finsubitoaste Sardegna
#finsubitoaste Sicilia
#finsubitoaste Toscana
#finsubitoaste Trentino Alto Adige
#finsubitoaste Umbria
#finsubitoaste Valle D'Aosta
#finsubitoaste Veneto
01_post Valle D'Aosta
01_post_Abruzzo
01_post_aste Emilia Romagna
01_post_aste Friuli Venezia Giulia
01_post_aste Liguria
01_post_aste Lombardia
01_post_aste Molise
01_post_aste Piemonte
01_post_aste Puglia
01_post_aste Toscana
01_post_aste Trentino Alto Adige
01_post_aste Umbria
01_post_aste Veneto
01_post_Lazio
01_post_Sardegna
01_post_Sicilia
01post_immobili_Campania
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
News aste
o1_post_aste Marche
Post dalla rete
post_aste_calabria
Video aste Abruzzo
Video aste Emilia Romagna
Video aste Friuli Venezia Giulia
Video aste Lazio
Video aste Liguria
Video aste Lombardia
Video aste Marche
Video aste Molise
Video aste Puglia
Video aste Sardegna
Video aste Sicilia
Video aste Toscana
Video aste Trentino Alto Adige
Video aste Umbria
Video aste Veneto
Video dalla rete
video_aste_calabria
   

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali


«Più pedali, più guadagni». Sarà per l’idea di ritrovarsi in busta paga cento euro in più, oppure per evitare di rimanere bloccati nel traffico, fatto sta che andare al lavoro con la bicicletta attrae sempre di più. In Italia da Nord a Sud non è difficile trovare datori di lavoro disposti a incentivare la mobilità green, approfittando dei fondi messi a disposizione dagli enti pubblici. Ha preso la palla al balzo, per esempio, il Comune di Battipaglia in provincia di Salerno, che l’anno scorso ha liquidato 1.356,73 euro ai dipendenti che si sono recati a lavoro con la bici, grazie ad un bando della Regione Campania; il finanziamento di 5.423,19 euro è servito a diminuire l’inquinamento e a migliorare la salute. I dipendenti disposti a lasciare a casa la macchina per almeno cinque giorni al mese si sono visti accreditare fino ad un massimo di 100 euro in busta paga. In ogni caso, i chilometri percorsi saranno monitorati con una tecnologia apposita, che avrà il compito di verificare l’effettivo percorso svolto e premiare soltanto chi effettivamente userà la bici per fare il tragitto casa-lavoro. 

Bonus 100 euro (ex Renzi) in busta paga: a chi spetta e le simulazioni degli importi in base al reddito

Il contributo

Le modalità per ricevere l’incentivo sono simili ovunque: nel Comune di Rubano (Padova), il tragitto casa-lavoro o casa-scuola deve prevedere un percorso minimo di 3 chilometri; l’incentivo economico è di 0.25 euro al chilometro per un tetto massimo di 6 euro al giorno e di 50 euro al mese. L’incentivo piace anche a Trento: un centinaio di dipendenti, 34 aziende del territorio, con circa 10mila dipendenti coinvolti e l’Università di Trento, con i suoi 15mila studenti, hanno aderito all’iniziativa. A Cuneo hanno calcolato quale è stato il vantaggio per il clima: nel 2023 sono stati risparmiati 40.102,27 kg di Co2, ovvero 286.441,47 chilometri pedalati in 91.914 viaggi; 900 in tutto i cittadini che dal 2021 hanno preso la bici per andare al lavoro. C’è chi pensa pure a sostenere l’acquisto della bicicletta, anche a pedalata assistita. La Regione Emilia Romagna anche per il 2024 ha messo a disposizione 2 milioni e 387mila euro di contributi per i maggiorenni. Il bando verrà rinnovato anche nel 2025: in tutto sono 9 i milioni di euro per il triennio 2023-2025. 

Luci e ombre

Inutile dire che medici e amanti delle bici guardano con molto interesse alla svolta green. Anche se ancora la strada per allargare la platea sembra in salita. «Il bike to work è da incoraggiare – rimarca Carlo Signorelli, ordinario di Igiene dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano – Ma dobbiamo concentrarci sulla sicurezza di tutti: i pericoli della strada sono accentuati dal fatto che poche città hanno piste ciclabili sicure. A Milano, per esempio, la casistica di incidenti è in aumento. Senza contare poi quando fa freddO, piove o nevica». C’è poi il capitolo smog: «In molte città del nord, soprattutto a febbraio – ricorda Signorelli – si è più esposti alle sostanze nocive. Le ciclabili non andrebbero realizzate a fianco delle macchine». L’idea, dunque, è buona, ma servono anche investimenti: «Andare al lavoro in bicicletta è da favorire dove le distanze lo permettono – ammette Giuliano Giubelli, vicepresidente della Fiab (Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta) – Per fortuna molte regioni si stanno muovendo, ma occorre anche un intervento a livello nazionale. Bisogna garantire la sicurezza, ripensando la viabilità urbana. E poi – ribadisce Giubelli – dobbiamo puntare sull’educazione dei piccoli, garantendo strade sicure per andare a scuola».

© RIPRODUZIONE RISERVATA



 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui